Home Letteratura Con Gabriella Valera, la poesia in viaggio nel passato

Con Gabriella Valera, la poesia in viaggio nel passato

Il Concorso di Poesia “Castello di Duino”, giunto alla XVIII edizione, ha quest’anno un tema, Nostalgia, che appare comunque “naturale” se si pensa che da qualche tempo (dal febbraio 2021) manca Gabriella Valera, che dell’iniziativa è stata l’anima pulsante, il pensiero poetante e la forza aggregante di tante energie per un’impresa che all’inizio sembrava titanica; basti pensare alle parte­cipazioni da ogni parte del mondo con l’en­tusiasmo di molti poeti di mettersi in gioco e confrontarsi con tante voci e tanti umori, indici chiari di altrettante culture coesistenti anche nella diversità. Il fatto che il concorso continui ancora oggi è un modo per rispon­dere alla sua Musa generatrice, Gabriella ap­punto, che fino all’ultimo ha affermato il de­siderio che il tutto continuasse anche dopo di lei. E per noi che le siamo stati vicini a vario titolo nell’organizzazione dell’evento è un bel modo per far rivivere il suo slancio, proteso con generosità assoluta verso la ricognizione di un mondo, quello della poesia (ma anche quello del teatro) che, per fortuna, salta a piè pari la necessità costrittiva dei confini per as­sestarsi in una straordinaria e babelica ago­rà, dove la confusione di lingue lascia peral­tro distinguere le differenti identità emerse nell’incontro. Se è vero che Gabriella Valera continua a “vivere” proprio nella persistenza di un appuntamento ormai iscritto tra le cose notevoli della cultura non solo a Trieste e in Regione, ma su un vasto ambito dello sce­nario internazionale, è altrettanto inevitabile che il sentimento prevalente in chi l’ha co­nosciuta possa essere quello della nostalgia, motivo suggerito per un’articolata riflessione da trasferire nella poesia in questa edizione del Concorso, intesa qui nella sua accezione di nostos (ritorno a un tempo e a un luogo passato) e algos (dolore o, comunque, males­sere per la consapevolezza di una difficile re­alizzazione).

Nella situazione presente, senza perdere tempo in romantiche disamine retro­spettive, siamo più inclini a privilegiare quel­la parte che consente di far leva sul ricordo per un recupero, per lo meno memoriale, dei periodi in cui l’abbiamo sentita parlare, leg­gere le sue poesie, discutere amabilmente sul cumulo di progetti futuri, pensando a quella sua tensione continua a parlare di proiezioni a venire. E allora, tralasciando per ora il la­cerante malessere di Ulisse, inseguito dall’i­dea di un ritorno a Itaca, e alle Ricordanze leopardiane, che pur inquadrano il motivo con completezza d’indagine, per arrivare a modulazioni significanti più vicine a noi, mi sembra emblematica l’emozione di Montale nella lirica Fine dell’infanzia (“Ossi di sep­pia”): Vivere era ventura troppo nuova /

ora per ora, e ne batteva il cuore. Nell’album delle cose vissute si squadrano scene capaci di creare “virtualmente” una prossimità ri­spetto al senso della lontananza. E nell’opera di Mario Luzi il trascorrere del tempo dà la misura che il legame tra i viventi si annulla e si ricrea in una serie infinita di partenze e ritorni, per cui il tempo diventa materia pul­sante di ogni approdo poetico: “L’oscuro, il chiaro / il loro muto avvicendarsi, / la storia umana, inestinguibile pedaggio”. Ma vibra di marcati riflessi concettuali anche la terza silloge di Gabriella Valera, “Le molte case dei miei ritorni” (Ibiskos Editrice), dove un tem­po fisico e un tempo interiore si confrontano dialetticamente nel pensiero dell’autrice, che nell’affondo verticale (l’analisi del passato) e nella traiettoria orizzontale (lo sguardo al dato contemporaneo) disegna una geometria di sentimenti, che animano un mondo bru­licante di abbandoni e di ritrosie, di accenni entusiastici all’esistente e ripiegamenti pro­blematici sui contrasti della vita, di focaliz­zazione d’episodi dell’infanzia e condivisione di tormenti dell’attualità.

Si tratta di un li­bro ricco di richiami a quell’alveo, fonte di emozioni continue, che è la casa intesa anche nella sua accezione più ampia di involucro d’umanità multiforme. Lo scorrere del tem­po impegna l’autrice in fulminee notazioni sul senso del “qui-ora” e del suo contrasto con l’“altrove-sempre”, come dire il deter­minato e l’infinito. Il volumetto è arricchito, non a caso, dall’illustrazione della copertina e di alcune pagine interne con le incisioni di Ottavio Gruber. Il tema proposto (Nostalgia) si presta a una serie praticamente infinita di interpretazioni, come dimostrano i testi proposti dai concorrenti, che spaziano su un vastissimo ambito di sfumature e soluzio­ni interpretative: il rapporto tra i differenti aspetti stagionali della natura; la questione del tempo trasformatore di ogni cosa; la re­lazione tra il microcosmo interiore e il ma­crocosmo fisico; gli affetti familiari e i rilievi sentimentali; la distanza problematica tra l’universo individuale e la struttura dell’“e­dificio sociale”; l’anelito a una giustizia più rispondente al rispetto dei diritti; il tentativo di congiunzione tra reale e ideale; la visione di un futuro nebuloso, ma anche la speranza di giorni in ogni caso migliori.

Il Primo Pre­mio del Concorso è stato assegnato a Lukas Meisner (Germania) con la poesia Nettles / Ortiche: il testo si fonda sul recupero me­moriale di un passato in cui le ortiche “non pungevano”, mentre il senso di un tempo inesorabile nella sua forza di trasformazione di tutte le cose, anche quelle della sfera inte­riore, prospetta altri orizzonti dominati dalla staticità della mancanza che si abbina alla dura consapevolezza dell’assenza. Le quat­tro strofe di versi brevi martellano con il loro ritmo il racconto del disagio dovuto all’eclissi di presenze e affetti legati al vissuto. L’esi­to è una disillusione profonda messa in luce anche dalla motivazione della giuria che ri­leva il merito dell’opera nell’“l’introspezione offerta dall’io lirico tramite l’antitesi di un passato luminoso, carico di speranze (rivis­suto nella prima strofa, più estesa e di stam­po naturalista) e di un presente afflitto da cupe intuizioni e dubbi interiori (intersecati fra loro nelle altre strofe, più brevi e spesso ermetiche”.

Il modulo espressivo si caratte­rizza per una scrittura che inquadra la pro­blematica esistenziale nella piena libertà da orpelli retorici, ma con la forma scarna det­tata dall’esigenza di andare immediatamente al cuore della questione personale trattata. Il secondo classificato è stato Jakub Koźbiał (Polonia), con la poesia Thanatos. La morte è termine di riferimento al quale solitamente si aggancia un prelievo nostalgico del passa­to, da cui fanno pulsare il ricordo e aggettano nel presente situazioni, aspetti della natura e fisionomie umane. Lo afferma chiaramente la motivazione: “La poesia vive sulla caden­za di un’unica lunga proposizione che ruota attorno al concetto enunciato dal titolo: la morte. È in linea con un’idea di racconto che preleva dalla memoria il materiale da ela­borare nell’articolazione dei versi. Il sistema dinamico del metro dà al testo la capacità di superare il rischio di una caduta banale nell’elegia, è invece momento in cui l’autore punta lo sguardo retrospettivo sul problema presenza/assenza; in questo la morte (Tha­natos) è discrimine inciso nella coscienza, che pone il soggetto poetante nella condizio­ne di “riesumare” dal tempo andato una pre­senza, con la quale dialoga in un’atmosfera di metafisica colloquialità.” A dimostrazione che la funzione della memoria è a volte quel­la di comporre delle antinomie, riconducibili al concetto di astratto/concreto, incorporeo/materico.

Lukas Meisner, vincitore del concorso di poesia “Castello di Duino”

Il terzo premio è andato a Marija Dejanović (Croazia) con la poesia Small items / Piccoli oggetti, dove la scrittura segue un ritmo di racconto confidenziale sulle dinamiche con­cettuali che legano gli oggetti di ogni giorno alla capacità di rimandi diretti o metaforici. Il testo si dispiega come una narrazione con toni di prosa, ma libera sfumature di pen­siero e rinvii a significati anche lontani.

La poesia infatti invita a una lettura secondo un’analisi che affonda nel complesso strati­ficato dei sensi in essa contenuti. Il giudizio della giuria la mette in evidenza per l’“anali­si introspettiva e retrospettiva in cui colpisce la capacità di costruire incisive immagini che assimilano precisamente la misura e la collo­cazione spaziale. Notevole è il potere equili­brante acquistato dai “piccoli oggetti” nella dimensione universale della narrazione.” Il Premio Speciale della Giuria è stato assegna­to a Ghileschi Nadin-Mihaela (Romania), con la poesia Crystal globe / Globo di cri­stallo, in cui i pensieri dell’autrice emergono da una sequenza di immagini, dove tempo e spazio sono dimensioni affidate alla leg­gerezza della fantasia. Il testo si segnala per un’equilibrata organizzazione delle sue parti in un ritmo che incalza anche con la combi­nazione di elementi tra loro apparentemente incongrui. La poesia si sviluppa per germi­nazione continua di scene in un testo definito dalla giuria “complesso, dall’andamento len­to, fitto di immagini radicate nella realtà; la metafora della palla di cristallo con la ‘neve’, immagine di un luogo tropicale che evoca sensualità, è il perno di una composizione larga e ricca, dai versi irregolari e dal ritmo avvolgente, come spire che si snodano intor­no al ricordo di un amore lontano, forse per­duto per sempre e al pensiero di una poesia, scritta in un’altra lingua, in un’altra vita.” La Targa Premio Unesco l’ha meritata Chi­nonso Eze (Nigeria), con la poesia Embers / Braci, in cui la durezza della situazione esistenziale lascia intendere una socialità complessa e problematica, che l’autrice ri­trae per decise stoccate verbali.

La giuria nel giudizio afferma che “come pare acca­da da sempre e come l’opera di persuasione indefessa della cultura dominante induce a credere, la razza di Caino urla dalle sue vi­scere la fame come un vecchio cane, mentre quella di Abele si riscalda il ventre al pro­prio focolare patriarcale, volendo impiegare qua la nota metafora del massimo lirico dei tempi moderni.” E il testo serve a Chinonso Eze per far “balenare dinanzi ai nostri oc­chi, offuscati dai bizantinismi della deca­denza capitalistica, una scintilla dell’energia creativa dei popoli più giovani ed oppressi, quella che innescherà i processi evolutivi di un’umanità rigenerata”. C’è quindi in fondo la luce di una speranza, quella che vi pos­sa essere una decisa inversione di tendenza. La Targa ALUT, Associazione Laureati Uni­versità Trieste, è stata attribuita a Nikolaos Nikoletos (Grecia), con la poesia Christi­na / Cristina, breve nello sviluppo di soli quattro versi che inquadrano un sentimen­to rarefatto, fatto viaggiare nel territorio di una spiritualità derivata da una bella ade­renza al fisico. La motivazione della giu­ria mette in evidenza “la sua significativa concisione che in un insieme di parole es­senziali e inestricabili restituisce, attraver­so immagini sensoriali, un universo intimo e spirituale di elevato contenuto poetico.” Infine il Premio Sergio Penco (speciale per gli under 16) è stato assegnato a Sara Janković (Montenegro) di anni 14, con la poesia Blue­berries and sky / Mirtilli e cielo. Il testo rivela una capacità espressiva e critica che è già di persona adulta. La motivazione del premio sottolinea proprio questa attitudine ad uscire dallo sguardo tipicamente adolescenziale per imprimere profondità all’analisi dei senti­menti: “Un testo straordinariamente maturo, intenso quanto ben calibrato.”

Enzo Santese

Articoli Recenti

Le “quattro patrie” di Alessandro Tessari

Nel nostro tentativo di dire quanto pathos e quanta vita si ravvisi in questo “messaggio in bottiglia”: l’ultima (per poco) pubblica­zione (edita...

Pasolini e la poetica del “rustico amore”

Lo sguardo rivolto all’esterno della Casa Co­lussi, sede del Centro Studi Pasolini di Ca­sarsa (Pordenone), è la focalizzazione fisica di un punto...

Yan Pei-Ming: quando l’arte diventa storia

Il Palazzo dei Papi e la Collezione Lambert hanno ospitato ad Avignone Tigres et vau­tours (Tigri e avvoltoi), una interessantissi­ma mostra dedicata...