Home Cultura e Costume Fame di poesia – Venezia il primo giorno dell’anno

Fame di poesia – Venezia il primo giorno dell’anno

C’è un paral­lelo tra la po­esia e Venezia com’è in que­sti giorni. Su questo volevo riflettere quan­do stamattina, primo gior­no del 2021 in zona rossa, sono partita da San Stae con in tasca il certifi­cato che legit­timava il mio varcare i confini per scrivere questo pezzo. Ero anche diretta al mare, piccolo rito con cui sono solita salutare l’anno nuovo e porre l’interrogativo dell’an­no. Cerco di spiegarmi la misura diversa che avverto necessaria e auspico. Cominciamo dalla quantità, dalle presenze come indice di successo. Dato incontestabile? Eppure la città stava soffocando. Trent’anni a conteggiare i 50mila, i 150mila a Carnevale mi hanno vac­cinato all’euforia dei numeri alti, della visi­bilità, della competizione, anche, tra le città d’arte. Il Covid ha costretto a rallentare, ha affinato i sensi storditi. Venezia si presenta splendida, come varrebbe la pena che chiun­que potesse viverla. La vive così chi arriva in aerei che sono carri bestiame, o in autobus da trombosi per vedere due o tre cose nella ressa di un allevamento per poveri polli? La consi­derazione è antieconomica (per chi come noi vive di turismo), ma la risposta ovvia. E noi che viviamo di poesia, rimpiangiamo davvero l’accavallarsi, anzi, il sovrapporsi, di presen­tazioni, lo scorno per le limitate presenze che la poesia tuttora riserva ai suoi autori e alle sue autrici, il correre da una parte all’altra perché ‘se non ci vado, poi non viene alle mie presen­tazioni’? È questa la poesia?




(Foto Antonella Barina)

Ricordo che la gente si incontrava, parlava, beveva, faceva notti assieme per arrivare a percepirla nel si­lenzio di un campo. Ricordo quando era rara e prima di essere libro era vita. È vero: sono saltate presentazioni e il video non può soppe­rire, tuttavia il video ha scremato la comuni­cazione di servizio – è uscito il libro tale, stia­mo organizzando una nuova iniziativa, grazie vengo anch’io oppure grazie, non posso: tante e utili le dirette, quelle del Pip-Pronto Inter­vento Poetico, quelle sugli Haiku, quelle per cominciare a costruire un ponte tra poesia e ingegneria, ecc. – dalla sostanza poetica che si è fatta più intima e raggiunge destinatari re­ali, interlocutori e interlocutrici appropriate, soprattutto ha ripreso a sanare. Questo pen­so mentre guardo dall’alto di Rialto l’acqua appena increspata dal vento e non sconvolta dai motori, avendo non solo il tempo, ma an­che lo spazio per girarmi ad ammirare l’ar­chitettura d’apice del ponte dove un piccione cammina tranquillo, per quanto affamato. L’altro giorno ho aperto qui il cartoccio da asporto: ho dovuto dividerlo coi gabbiani che sono scesi ad affrontarmi di brutto, un bocco­ne a me e uno a loro per tener­li impegnati. Quant’era che non facevo il gioco dei gab­biani? Incontro gli spazzini e una pattuglia. Mi affaccio con reverenza da sotto l’ar­co della torre a Piazza San Marco, godo la pienezza del suo vuoto mentre avverto la disperazione del­le botteghe chiuse, ma ora ogni cosa è tornata quello che è.

La gondola riacquista la propria dimensione di sublime scultura, il moto on­doso dei lancioni turistici non la offende più, basteranno le mareggiate, le acque alte, gli tsunami. Lei è fatta così proprio per attraver­sarli. Torneranno a dormire in gondola i gon­dolieri in attesa dei viaggiatori, non più turi­sti? Siamo e saremo tutti più poveri, noi che non abbiamo ancora capito cosa è successo. Questo primo giorno dell’anno sembra il pri­mo di un avvento epocale. Dal mare torno con una conchiglia bianca, una regina. Lo stesso colore che la pietra d’Istria dei ponti sembra aver riacquistato. La pietra però è la stessa, è lo sguardo che è cambiato. Così è anche per la poesia. Non basta più la semplice allitterazio­ne o lo scarto di senso formale, c’è, appunto, bisogno di sostanza. C’è fame. Anche fame di poesia.

Antonella Barina

Articoli Recenti

Le “quattro patrie” di Alessandro Tessari

Nel nostro tentativo di dire quanto pathos e quanta vita si ravvisi in questo “messaggio in bottiglia”: l’ultima (per poco) pubblica­zione (edita...

Pasolini e la poetica del “rustico amore”

Lo sguardo rivolto all’esterno della Casa Co­lussi, sede del Centro Studi Pasolini di Ca­sarsa (Pordenone), è la focalizzazione fisica di un punto...

Yan Pei-Ming: quando l’arte diventa storia

Il Palazzo dei Papi e la Collezione Lambert hanno ospitato ad Avignone Tigres et vau­tours (Tigri e avvoltoi), una interessantissi­ma mostra dedicata...