Home Cultura e Costume Pirano, Festival della Poesia del Mare

Pirano, Festival della Poesia del Mare

La prima edizione del Festival del Mare di Pi­rano doveva avere il suo centro foca­le nella sede della Comunità Italiana, la Casa Tartini, portata a nuovo splendore dopo il recente restauro. Le restrizioni previ­ste dalle normative anti Covid riguardo all’u­tilizzo degli spazi pubblici hanno portato gli organizzatori (perfettamente coordinati dalla responsabile della cultura Fulvia Zudič e dal Presidente della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana Andrea Bartole) a sce­gliere spazi alternativi che sono risultati di grande suggestione. Il debutto è avvenuto nel Centro Pastorale “Georgios”, poi gli incontri si sono susseguiti al Faro, alle saline di Sic­ciole e nel chiostro del convento francesca­no. La struttura del Festival si è articolata in due tensioni convergenti, una è quella del concorso, teso a stimolare un nuovo interesse per la poesia nelle persone, appartenenti a un ampio ventaglio anagrafico (dall’adolescenza alla piena maturità); la seconda è data dal confronto vero e proprio con i poeti.

Nel primo caso la finalità è di promuovere ne­gli adolescenti e nei giovani un interesse spe­cifico per la scrittura con l’aiuto di un motivo (il mare appunto) che per tutti o, comunque, la maggior parte delle persone ha un fascino straordinario; questo, nell’occasione, è stato incanalato nelle norme di una scrittura a cui ognuno ha affidato il senso di una comunica­zione emotiva o di un’espressione del mondo interno sulla base di quanto il mare e l’am­biente variegato ad esso collegato propongo­no. Le sezioni sono state concepite proprio per lasciare ai ragazzi lo spazio temporale necessario per comporre le loro idee su qual­cuno dei numerosi aspetti relativi alla proble­matica suggerita dal tema.

Non manca ovviamente la sezione riservata agli adulti, invitati nell’occasione a misurarsi sulla necessità di presentare ognuno nella sua lingua o dialetto (rigorosamente tradotta in italiano) un’idea, uno spunto critico, un guiz­zo della fantasia suscitato dalla considerazio­ne dell’Adriatico come alveo di scorrimento di fantasie, miti, storie che lo eleggono ad ambiente privilegiato della loro immagina­zione oltre che della capacità di osservazione.

Le parole di un uomo dal multiforme ingegno (è stato esploratore, oceanografo e regista), il francese Jacque Yves Cousteau, sono estre­mamente indicative di una fortissima sedu­zione proveniente dal mare:

“Dopo l’istante magico in cui i miei occhi si sono aperti nel mare, non mi è stato più pos­sibile vedere, pensare, vivere come prima.” È la rappresentazione di uno stato d’animo permanente in coloro che vivono a contatto con questo elemento, dentro il quale si muo­vono presenze codificate ormai dalle scienze biologiche, trovano posto in mezzo allo scon­quasso delle correnti relitti che testimoniano di ere passate, fluttuano i sensi di una conge­rie di miti capaci di trasmetterci l’idea di una magia veicolata dalle onde e alimentata dalla salsedine.

Da sempre il mare è lo scrigno ricco nell’im­mensità dei suoi tesori a cui poeti e artisti ri­volgono la loro attenzione per cercare anche nella sua spazialità generosa quell’orizzonte, ideale prima che fisico, che consente loro di “toccare” il confine sottile tra il mondo fisico e quello spirituale.

Due personalità letterarie molto diverse per formazione, sensibilità e spirito di apparte­nenza all’esistente sono stati – nelle altre edi­zioni, quelle italiane, del Festival – i punti di riferimento essenziale per stabilire una co­mune piattaforma concettuale da cui, poi, gli autori invitati potessero muoversi con la loro

energia ispirativa a interpretare il rapporto terra-mare, mare-cielo, mare-uomo. Il primo è Federico Garcia Lorca che nella sua Ballata dell’acqua del mare (1919), con i versi “Il mare sorride in lontananza. /Denti di spuma, / labbra di cielo”, invita a un’immersione ide­ale dentro il reticolo di sollecitazioni emotive scaturite dal mare stesso. Poi Umberto Saba, nell’essenzialità espressiva della sua lirica di 13 endecasillabi sciolti, Ulisse, della raccolta “Mediterranee” (1946) in cui le coste della Dalmazia sono il luogo privilegiato per un re­cupero memoriale e per un appunto sul tema del viaggio. “Nella mia giovinezza ho navi­gato / lungo le coste dalmate. Isolotti / a fior d’onda emergevano, ove raro / un uccello so­stava, scivolosi al sole / belli come smeraldi. Quando l’alta / marea e la notte li annullava, vele / sottovento sbandavano più al largo, /

per fuggirne l’insidia. Oggi il mio regno / è quella terra di nessuno. Il porto / accende ad altri i suoi lumi; ma al largo /sospinge ancora il non domato spirito, / e della vita il doloroso amore.”

Negli anni precedenti si sono svolte già quat­tro Festival della Poesia del Mare, al Lido di Venezia (nel prestigioso spazio di Villa Pan­nonia), a Trieste (in sedi sempre diverse), a Lignano Sabbiadoro nella Terrazza a Mare, con la partecipazione di oltre 130 poeti pro­venienti da diversi paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Sono stati invitati all’evento dal sottoscritto: Marco Apollonio, Grigore Ar­bore (direttore dell’Istituto Romeno di Cul­tura Umanistica e Ricerca di Venezia), Anto­nella Barina, Maurizio Benedetti, Sabrina De Canio (condirettrice del Museo della Poesia di Piacenza, di­retto da Massimo Silvotti), Roberto Dedenaro, Fer­nando Geromet­ta, Lucia Gui­dorizzi, Marko Kravos, Luigina Lorenzini, Laura Marchig, Guido Oldani (fondatore della corrente del “Realismo terminale”), Graziella Valeria Rota, Giacomo Scotti, Massimo Silvotti, En­nio Zampa.

I poeti, secondo i moduli delle rispettive sen­sibilità creative, hanno interpretato l’idea del mare con una massima dilatazione tematica: Pirano e la sua vocazione marinara; gli in­flussi veneziani anche nella tradizione; il rap­porto fra l’uomo e l’elemento naturale nella dinamica quotidiana del vivere; il mare, alveo di scorrimento di fantasie che suggeriscono magie di segni, colori, parole, il mare, prota­gonista di vi­cende storiche e di cronaca,

aspetti di co­stume e cultura dei Paesi che si affacciano sull’Adriatico.

Uno dei temi essenziali attorno a cui ruota la riflessione degli autori è la metafora del viag­gio nell’esistenza; e la motivazione fondante è il desiderio di conoscerne e apprezzarne an­che gli aspetti più segreti e le manifestazioni più enigmatiche.

Il concorso di poesia , che avrà cadenza an­nuale come il Festival in generale, mira a promuovere negli adolescenti e nei giovani un interesse specifico per la scrittura con l’a­iuto di un motivo che per tutti o, comunque, la maggior parte delle persone ha un fascino straordinario; questo, nell’occasione, va in­canalato nelle norme di una scrittura a cui ognuno affida il senso di una comunicazione emotiva o di un’espressione del mondo inter­no sulla base di quanto il mare e l’ambiente variegato ad esso collegato propone.

Enzo Santese

Articoli Recenti

Damien Hirst e l’arte che confessa

“Quello che separa Mi­chelangelo da Damien Hirst è che Michelange­lo era un artista invece Damien Hirst non lo è…” (Julian Spalding, independent.co.uk,...