Home Copia Digitale Edizione Giugno 2019 (copia digitale)

Edizione Giugno 2019 (copia digitale)

Arturo Baldan, nato a Dolo (Venezia) nel 1964, attualmente vive e lavora a Mestre. Mostre personali in location di pregio e museali ne documentano il percorso artistico. La sua ricerca si muove lungo una linea di coerenza che attraversa ben definiti punti della storia dell’arte contemporanea (nell’alveo di una generale predominanza concettuale emergono apporti minimalisti, spazialisti e allusività cinetiche), mantenendo peraltro viva la dichiarazione di appartenenza a un mondo interiore, sommosso da numerosi sussulti culturali. Pertanto Baldan crea i presupposti di un movimento che dall’apparente freddezza razionale del lavoro arriva ogni volta ad approdi di sorprendente novità. Pittura e scultura vengono sintetizzate dall’artista nelle istallazioni, dove la serialità degli elementi costitutivi, disposti in serie modulare, produce una singolare traduzione iconica della realtà della comunicazione digitale odierna. La stesura investe ogni singolo componente, che poi viene assemblato in un complesso che seziona lo spazio, la superficie virtuale.

Articoli Recenti

Le “quattro patrie” di Alessandro Tessari

Nel nostro tentativo di dire quanto pathos e quanta vita si ravvisi in questo “messaggio in bottiglia”: l’ultima (per poco) pubblica­zione (edita...

Pasolini e la poetica del “rustico amore”

Lo sguardo rivolto all’esterno della Casa Co­lussi, sede del Centro Studi Pasolini di Ca­sarsa (Pordenone), è la focalizzazione fisica di un punto...

Yan Pei-Ming: quando l’arte diventa storia

Il Palazzo dei Papi e la Collezione Lambert hanno ospitato ad Avignone Tigres et vau­tours (Tigri e avvoltoi), una interessantissi­ma mostra dedicata...